Questo sito utilizza cookie di profilazione propri o di terze parti, per saperne di più clicca qui

News

Nella gara 2 di Abu Dhabi la sfortuna blocca Lorandi

La stagione 2017 di Alessio Lorandi nel campionato GP3 Series non si è conclusa come ci si augurava. Nella seconda gara GP3 Series di Abu Dhabi, uno sfortunato contatto con Steijn Schothorst mentre il pilota italiano stava tentando il sorpasso per recuperare la quarta posizione, ha piegato la parte destra dell’ala anteriore provocando un inevitabile rallentamento e la sosta ai box per sostituire il musetto. Di conseguenza, Lorandi ha terminato 17esimo perdendo la possibilità di conquistare il quinto posto finale in campionato. Lorandi era partito bene tenendo la quarta piazza e difendendosi bene nei primi giri da Daniel Ticktum. Al 7° giro, però, l’inglese lo ha superato. Dopo due tornate, Lorandi ha provato di scavalcare Schothorst (che a sua volta era stato passato da Ticktum) per la quarta piazza, ma si è verificato il contatto. Lorandi termina il campionato 2017 in settima posizione, una stagione più che positiva che lo ha visto vincere una gara a Jerez, ottenere tre terzi posti nelle due corse di Barcellona e a Silverstone, e tagliare il traguardo altre sei volte in zona punti.

Lorandi, da decimo a quinto nella prima gara GP3 di Yas Marina

Una bella rimonta, una prova grintosa, tanti sorpassi. Questa la prima gara di Alessio Lorandi sul circuito Yas Marina di Abu Dhabi, sede dell’ultima prova del campionato GP3 Series. Il pilota italiano si era qualificato decimo non senza sfortuna. A lungo tra la seconda e la terza posizione, nella fase finale della sessione è stato involontariamente rallentato da un altro pilota, uscito di pista. Alessio nel suo giro “buono” ha dovuto alzare il piede dall’acceleratore perdendo decimi preziosi che lo hanno fatto scivolare in quinta fila.
In gara 1, Lorandi è subito andato all’attacco passando ottavo al 1° giro. Nelle tornate seguenti, ha duellato a lungo con Hubert, poi con Schothorst e alla fine con Boccolacci mettendo in scena una serie di bei sorpassi che hanno infiammato la corsa. Alla fine, grazie all’ottima gestione del DRS, è arrivato il quinto posto che permette a Lorandi di mantenere la sesta posizione in classifica generale del campionato e di portarsi a sette punti da Alesi. Per gara 2, che si terrà domenica mattina e chiuderà definitivamente la stagione, Alessio partirà dalla seconda fila. La diretta televisiva in Italia è su SkySportF1 a partire dalle ore 9.45.

Il weekend di Jerez visto dall’abitacolo n.22

“Le prove libere di Jerez sono state abbastanza difficili; in poco tempo occorreva imparare la pista e cercare il miglior set-up. Ho faticato molto durante il turno e purtroppo durante la sessione non siamo riusciti a risolvere i problemi emersi. Nell’intervallo che precedeva la qualifica, con il mio ingegnere ho lavorato molto per capire quale strada intraprendere e così In qualifica abbiamo fatto un notevole step in avanti conquistando la sesta posizione dietro alle quattro monoposto del team ART e a una vettura della DAMS, il ché faceva ben sperare per la gara 1. Ma una volta giunto ai box, ho appreso che ero sotto investigazione per avere bloccato un altro pilota. Cosa era accaduto? Io ed altri piloti stavamo facendo un giro di rallentamento per raffreddare le gomme, per poi lanciarci per il giro di qualifica. Invece, Pulcini era già nel suo giro veloce, unico a spingere in quel momento. Mi trovavo in una fila di sei monoposto, precisamente ero il secondo di questo gruppetto. Pulcini è arrivato ed ha dovuto rallentare, i commissari hanno visionato il fatto e per qualche motivo hanno penalizzato solo me, che non ero certo responsabile. Così da sesto mi sono ritrovato nono in griglia di partenza. E’ stato duro da accettare, ma mi sono detto che dovevo calmarmi, tenere la testa positiva e lucida per entrare almeno nei primi otto. L’ottavo della prima corsa ha infatti la possibilità di partire dalla posizione del poleman in gara 2. Al via, sono riuscito a partire bene e a superare la Calderon, ma ero col set di gomme peggiore e dopo qualche giro ho avuto problemi con le gomme anteriori. Addirittura, ho avuto negli ultimi giri una lenta foratura della anteriore sinistra dovuta a certi cordoli abbastanza spigolosi. Di conseguenza, Alesi che era sempre stato dietro di me si è avvicinato con facilità, mi ha attaccato all’ultimo giro, ma il suo sorpasso è stata giudicato pericoloso. I commissari sportivi hanno subito ritenuto che la sua manovra doveva essere investigata e così, dopo essere stati negli uffici degli steward di gara, hanno deciso di penalizzare Alesi. Ho così ripreso la ottava posizione e per gara 2 sarei partito davanti a tutti. Abbiamo lavorato tanto con gli ingegneri per discutere cosa fare sulla macchina perché col passo di gara 1 non avremmo certo vinto. Sono state fatte molte modifiche sull’assetto e tra l’altro avrei avuto a disposizione un treno di gomme nuove, che però non avrebbe fatto la differenza. In gara 2 sono partito bene ed ho controllato per tutti i 17 giri in programma Boccolacci, pilota che è molto forte. Quando si avvicinava, alzavo l’asticella e il passo. Poi, una volta creato il gap, evitavo di spingere per non affaticare le gomme. Controllavo tutto e andavo tranquillo verso la bandiera a scacchi quando a 4 giri dal traguardo è entrata in pista la safety-car per un incidente tra Ticktum e Kari. Questo evento ha scombussolato i miei piani. Ho quindi cercato di tenere bene calde le gomme, i freni e alla ripartenza, ad appena una tornata dalla fine, ho tenuto saldamente il primo posto. Dopo le sfortune delle recenti gare, questa vittoria ci voleva e speriamo di continuare con questo slancio fino ad Abu Dhabi”.

Prima vittoria in GP3 di Lorandi

E’ arrivata sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera, non lontano da Siviglia, la prima vittoria nel campionato GP3 Series di Alessio Lorandi. Il pilota italiano schierato dal team Jenzer, dopo essere partito dalla posizione del poleman, ha subito preso in mano le redini della seconda corsa del weekend. Giro dopo giro, ha mantenuto costantemente un vantaggio di 8 decimi-1 secondo su Boccolacci. Perfetta la gara di Lorandi, che non ha mai commesso un errore mantenendo sempre a distanza il rivale francese. A 4 tornate dal traguardo però, un incidente tra Kari e Ticktum ha chiamato in pista la safety-car. Il gruppo si è quindi ricompattato e non è stato facile, vista anche la lentezza con cui procedeva la SC, mantenere calde le gomme e i freni. La ripartenza è avvenuta a 1 giro dalla bandiera a scacchi e Lorandi ha avuto la freddezza necessaria per allungare immediatamente su Boccolacci e presentarsi da vincitore sul traguardo finale. Una grande soddisfazione per Alessio, arrivata in un weekend molto difficile, caratterizzato da una penalità subìta in qualifica senza apparenti motivi e dal contatto con Alesi in gara 1 che lo aveva relegato nono. Ma la penalità comminata al francese ha riportato Lorandi ottavo permettendogli di partire davanti a tutti per via della griglia invertita (“girano” i primi otto di gara 1) per la seconda corsa. Lorandi mette fine a un periodo non particolarmente efficace nel quale aveva raccolto zero punti nelle ultime quattro gare per motivi indipendenti da lui. A Jerez è arrivato il riscatto e la meritata vittoria. Ora la GP3 va in... letargo e riaccenderà i motori a fine novembre per l’appuntamento finale ad Abu Dhabi.

Lorandi ottavo a Jerez - Partirà primo in gara 2

E’ stato un sabato estremamente sofferto, ma positivo, quello di Alessio Lorandi a Jerez. Dopo la bella qualifica di venerdì pomeriggio che lo aveva visto piazzarsi in sesta posizione, nella serata era arrivata con grande sorpresa una penalità di tre posti in griglia di partenza di gara 1 per avere ostacolato un altro pilota. Lorandi, però, aveva dovuto rallentare a causa di Aitken, che procedeva lentamente e questo ha causato un problema al sopraggiungente Pulcini. Ma anziché chiamare in causa il pilota inglese che aveva costretto Lorandi ad alzare il piede, i commissari sportivi hanno punito Lorandi. Una decisione che il team Jenzer ha ritenuto bizzarra. Ma tant’è, Alessio si è schierato nono per la prima corsa e subito ha superato la Calderon. Installatosi ottavo, il pilota italiano ha mantenuto tale preziosa posizione fino all’ultimo giro. Preziosa perché, per via del regolamento che per lo schieramento di partenza di gara 2 prevede l’inversione dei primi otto di gara 1, lo avrebbe posizionato davanti a tutti nella seconda corsa. Ma a poche curve dal traguardo, il giallo: Alesi lo ha affiancato e con due ruotate si è fatto largo. Alla bandiera a scacchi, Alessio è così transitato nono dietro al francese. Chiamati entrambi in direzione gara, dopo lungo consulto, i commissari sportivi hanno deciso di penalizzare Alesi promuovendo ottavo Lorandi. Domani quindi, Alessio partirà dalla posizione del poleman in gara 2.